La tesi di laurea come lezione di vita

Nel 2002 mi sono laureato all’Università di Bologna in Scienze politiche, sebbene vivessi da dieci anni in Germania. La tesi di laurea ha rappresentato una stazione importante nel mio percorso di ricerca, ma fu anche una lotta molto sofferta, soprattutto con me stesso. La prefazione alla tesi, che qui pubblico insieme ai primi capitoli, ha uno sfondo biografico…


 

Nessun pensiero, nessuna conoscenza e nessun valore umano può ritenersi neutrale e al di sopra delle parti. Ogni produzione umana e scientifica, che abbia una pretesa universale, deve essere esaminata in maniera particolarmente critica. In un mondo dominato da strutture di potere e di crescente disuguaglianza, la cosiddetta »neutralità« finisce spesso solo per nascondere – e quindi legittimare – la loro realtà.

Questo lavoro di ricerca non è, né vuole essere neutrale, ma rappresenta invece il prodotto di un punto di vista. Questo non significa che le prossime pagine siano solo un elenco di opinioni personali. Anche in un lavoro scientifico il punto di vista si materializza in una selezione di fonti, dati, fatti, informazioni, teorie, argomentazioni e analisi.

Questo lavoro è il risultato dei primi tre decenni della mia vita: del mondo, delle persone, dei libri e delle idee che ho conosciuto. Ma anche di ciò, che non ho conosciuto. È un lavoro sulla base delle esperienze che ho fatto, ma anche di quelle che non ho fatto.

La prima finestra sul mondo è senza dubbio quella della famiglia di origine, nella quale i nonni rappresentano una biblioteca di storia. Quelli che ho avuto io – Giuseppe e Antonio, Agostina e Giacomina – non si sono mai stancati di raccontare delle ingiustizie, della miseria e della fame sofferta nella prima fase della loro vita. C’era però una cosa che essi ripetevano più di ogni altra: nulla è più terribile della guerra. Ecco perché ai loro nipoti essi augurarono di non dover mai rivivere una tragedia simile – per nessuna cosa al mondo, qualunque ne fosse la giustificazione. È una cosa che non ho mai dimenticato.

Quella in cui sono cresciuto è stata una famiglia in continua tensione–trasformazione fra patriarcato e matriarcato, fra un mondo contadino e il mondo operaio, fra tradizione e modernità, fra fede cattolica e impegno politico di sinistra, fra anni d’impegno e riflusso nella vita privata. I problemi politici ed economici erano spesso problemi privati – e viceversa.

Prime esperienze di sviluppo diverso

Nel 1984 Amos, Francesca, Luca e io, tutti ragazzi fra i 15 e 20 anni, fondammo il Gruppo Ecologico di Villa Verucchio (GEW), iniziammo a collaborare con il WWF e la Lega Ambiente, ma capimmo ben presto che il problema ecologico poteva essere risolto solo partendo da una riflessione sulla vita sociale e culturale. Senza una coscienza sull’interconnessione fra l’interesse privato e quello comune, sarebbe stato difficile attirare l’attenzione della gente su ciò che apparteneva a tutti: i fiumi, i boschi, gli uccelli, l’aria, l’acqua, il territorio, la comunità, il futuro. Creammo quindi gruppi di animazione per bambini e di riflessione per adulti. Organizzammo discussioni su una pedagogia e una vita alternativa. Contemporaneamente, ci capitò quello che capitava a molte altre iniziative: parti della popolazione locale reagivano con sospetto e sfiducia alle nostre intenzioni. Questa fu un’esperienza che feci anche più tardi. Perché parti della popolazione preferiscono i problemi alle soluzioni? Perché l’insoddisfazione generale non riesce a trasformarsi in energia collettiva di cambiamento? Per il futuro della nostra società queste domande sono di centrale importanza.

Una volta Paola Pastacaldi, una giornalista dalla casa editrice Mondadori, mi riferì quello che le evava detto il suo maestro Alberto Cavallari (Corriere della Sera): »Nella vita ci sono momenti in cui bisogna avere il coraggio di fuggire«. Probabilmente questo fu quello che feci nel 1989, quando me ne andai dal paese di campagna, Villa Verucchio, per stabilirmi nella città di Bologna. Volevo far crescere il bambino che era in me. Volevo scoprire cosa c’era oltre gli orizzonti limitati della piccola comunità, quegli orizzonti, che fino allora mi avevano protetto. Il desiderio di autonomia ad ogni costo mi portò a fare errori, ma anche questi furono una lezione di vita.

A Bologna divenni studente universitario nella Facoltà di Filosofia. Lo studio era un »diritto«, che nel 1989 costava due o tre cento mila lire l’anno di tasse universitarie (cresciute poi fino al milione e mezzo di lire nel 2001). Ad essi andavano sommati i costi di vitto e alloggio, libri, trasporti e così via.

Conobbi quattro gruppi principali di studenti:

  1. Quelli che dovevano continuamente dimostrare (soprattutto a sé stessi) di essersi veramente guadagnati il »diritto«, e si sentivano allo stesso tempo insicuri per il solo fatto di avere due mani già pronte per lavorare. Lo studio era per loro un lusso, un di più, spesso pagato con i sacrifici dei genitori. Di questi studenti, pochissimi riuscirono a raggiungere la laurea, mentre molti si ritirarono prima.
  2. Gli studenti che dovevano ad ogni costo riscattare sé stessi e la propria famiglia, cercando di raggiungere una posizione sociale più elevata, soprattutto più sicura. Questi studenti non studiavano filosofia, ma spesso economia e commercio, ingegneria.
  3. Quelli per cui studiare non era un diritto, ma una cosa normale, uno status con cui si era nati. I genitori, i fratelli, gli amici avevano studiato. I problemi finanziari erano, in questo caso, rari. Il sostegno dei genitori benestanti praticamente scontato.
  4. Quelli che intendevano lo studio come passione – volendo capire il mondo, l’uomo e la vita. Un modo per allargare gli orizzonti a prescindere dai sacrifici, dalle possibilità di lavoro futuro, dallo status.

Io ho rischiato di appartenere al primo gruppo, ma sono riuscito fortunatamente a rimanere nell’ultimo.

Il mio studio è durato tredici anni, non senza crisi, non senza dubbi da superare. Solo il lavoro per la mia tesi di laurea è durato un anno e mezzo: mi sono veramente guadagnato questo lusso? Non lo sò ancora, ma mi sento già in debito – non solo con la mia banca. Questo debito lo voglio saldare, possibilmente senza essere costretto a lavorare per il solo profitto (altrui o proprio).

I corsi universitari, in cui imparai di più, furono quelle di professori che trasmettevano una curiosità per domande complesse. A Bologna conobbi molti studenti stranieri. Fu soprattutto la loro diversità culturale a farmi capire, che il mondo a cui ero così abituato, non era né l’unico possibile, né l’unico esistente. Ero attivo nei Collettivi studenteschi. Per finanziare gli studi feci diverse esperienze lavorative. Da manovale edile conobbi molti ragazzi del profondo sud e anche extra-comunitari. Oggi sono felice di essere stato trattato esattamente come loro, perché ciò mi ha dato la possibilità di capire cosa sia lo sfruttamento e la mancanza di rispetto: certe cose non si imparano nell’università, che prepara le élite del futuro.

Nel 1991 utilizzai il servizio civile per tornare dalla fuga, al paese nel quale ero cresciuto. Era l’ultimo tentativo di conciliare la mia diversità con il senso di appartenenza alla comunità. Ebbi la possibilità di fare il servizio civile per l’Assessorato alla cultura del Comune di Verucchio. Cercai di utilizzare questa possibilità per cambiare il paese, per trasformare l’insoddisfazione collettica in creatività collettiva. Cominciai a lavorare all’idea di costruire un centro sociale autogestito, come laboratorio di uno sviluppo diverso del Comune. Creammo l’iniziativa Giovani in ComunicAzione, trovammo una casa in campagna dove fare il centro. Poi il tentativo fallì, c’erano troppe resistenze, anche della Chiesa locale. Alla fine del 1992, a 23 anni, mi trasferii in Germania.

In questi nove anni di deutsche vita non ho trovato il paradiso, anche perché non l’ho cercato. Ma sono cresciuto. Questa tesi di laurea non rappresenta solo la fine degli studi universitari bolognesi, ma anche quella di una fase importante della mia vita.

Il mio progetto di tesi si è orientato a quattro obiettivi:

  • la possibilità di colmare alcune lacune d’interesse rimaste aperte in questi anni di studio;
  • fare un primo bilancio delle cose che ho imparato;
  • la trasmissione di un sapere a chi non ha avuto la fortuna, che ho avuto io;
  • un modo di dare un senso al (mio) lavoro e alla (mia) vita, passata e futura.

Spero ne sia valsa la pena.

La cosa più difficile nella realizzazione di questo progetto è stata senza dubbio la selezione delle informazioni e la gestione della complessità. Tanti libri, tante informazioni, tante questioni, posizioni teoriche e critiche. Contemporaneamente sempre meno tempo a disposizione. E soprattutto sempre meno soldi in banca. Come ha scritto il dipartimento »Nuovi modelli di benessere« dell’Istituto di Wuppertal, »oggi, nella società delle opzioni multiple, la riuscita di una vita non è minacciata dalla mancanza, ma dall’abbondanza delle possibilità. In questa situazione la capacità di selezionare e di rinunciare a possibilità diventa una necessità di sopravvivenza«. Ho scritto molte pagine per confermare il valore di queste affermazioni.

Ogni cosa è connessa con qualsiasi altra

Secondo Barry Commoner, il famoso biologo americano, il primo principio dell’ecologia è: ogni cosa è connessa con qualsiasi altra. Ma come è possibile rispettare questo principio nella ricerca? Quando è giusto agire, nonostante l’incompletezza delle conoscenze a disposizione? Come si può essere ecologici e allo stesso tempo limitati? Quanto è abbastanza?

Mai come ora ho dovuto combattere con me stesso, non per superare i miei limiti, ma per accettarli. Nel caso della mia tesi l’autolimitazione è stata la condizione per proseguire la mia vita. In questo lavoro i limiti sono un tema centrale. Ogni limite ha un significato ambivalente, intrinsecamente legato alle due facce dell’esistenza. Il limite può essere la garanzia di un ordine, di un equilibrio, di una sicurezza, ma allo stesso tempo esso può essere anche un muro, una prigione, un ostacolo alla libertà. Il limite può essere il fondamento di una forma di appartenenza e di identità, ma anche un confine di separazione e di divisione.

I limiti non sono ciò che impedisce l’esistenza, ma anche ciò che la rende possibile.

Ringraziamenti

Vorrei ringraziare tutti coloro, che in tutti questi anni hanno sempre continuato a motivarmi nel proseguimento degli studi, soprattutto Martina Roos, Werner Schliepkorte e Ingo Hartmann. Durante il lungo lavoro di ricerca, che mi appresto a presentare nelle prossime pagine, sono state soprattutto le care Monika Czack e Nicole Ibach a non stancarsi mai (almeno credo) di dirmi quanto fosse abbastanza, aiutandomi ad (auto-)limitarmi. Ringrazio poi la simpaticissima Monique Masius e l’European Institute for the Media di Düsseldorf. Qui ho avuto la possibilità di lavorare in modo comunicativo e creativo, di imparare a capire la funzione sociale e politica delle convenzionalità. In questo Istituto ho conosciuto personalmente il mondo delle élite, venendo pure in contatto con la famiglia Rothschild. Ho conosciuto come si crea un’immage, come si fa marketing e come agiscono gli sponsors. Ho ottenuto questa possibilità, sebbene non avessi mai fatto un mistero del mio punto di vista critico.

Ringrazio Patrizia Mondin, l’Azienda Universitaria per il Diritto allo Studio e la Facoltà di Scienze Politiche per avermi aiutato ad alleviare, almeno un poco, la pressione finanziaria. Ringrazio Giorgio Alessi e il Dr. Wolfgang Sachs per i consigli preziosi. Prof. Michael F. Jischa, il Wuppertal Institut e il Ministero tedesco per l’ambiente invece per il materiale e le informazioni messe a disposizione.

Ho apprezzato molto la disponibilità e la gentilezza del Prof. Alberto Tarozzi. Un grande aiuto mi è giunto anche da Katia Cappelli, che ha provveduto alla rilettura di alcune parti del testo. Infine, ringrazio la mia famiglia. I miei cari genitori, Armando e Luisa, i fratelli Luca, Giuseppe e Daniele, che non mi hanno mai fatto mancare il loro sotegno.

Con il permesso di chi mi ha dato l’esistenza, vorrei dedicare le prossime pagine a tutti coloro che nel mondo hanno voluto e vogliono sapere di più, hanno voluto e vogliono crescere, hanno voluto e vogliono emanciparsi. A coloro che hanno voluto e vogliono un mondo migliore, più giusto, senza armi e senza povertà – in armonia con l’ambiente.

 

Düsseldorf, 3 dicembre 2001                                                            Davide Brocchi

 


La tesi

  • Titolo: Concetto e concezione dello sviluppo sostenibile in Germania
  • Facoltà: Scienze Politiche, Università di Bologna
  • Data d’esame: 22.02.2002
  • Relatore: Prof. Alberto Tarozzi
  • Riassunto: La ricerca si occupa delle radici culturali della crisi globale. Visto che i problemi non possono essere risolti con lo stesso modo di pensare, che li ha causati (Albert Einstein), lo sviluppo sostenibile presuppone un cambiamento culturale profondo. La cultura è la matrice comune della »costruzione sociale della realtà« e della »costruzione sociale dell’ambiente«. La riduzione di complessità avviene attraverso i filtri selettivi della cultura. Nel caso estremo questa riduzione conduce alla »monocultura«, controllabile, ma poco resiliente e molto propensa alle crisi. Attraverso la tecnologia, l’ambiente può essere adattato alla concezione di mondo dominante, mentre sostenibile è l‘evoluzione culturale (l’adattamento della concezione all’ambiente). Lo studio del 2002 è stato preliminare per tutta la ricerca, che ho proseguito poi in Germania, sulla dimensione culturale dello sviluppo sociale (modernizzazione, globalizzazione, sostenibilità…).
  • Indice, prefazione e introduzione della Tesi di Laurea

 

Schreibe einen Kommentar

Deine E-Mail-Adresse wird nicht veröffentlicht. Erforderliche Felder sind mit * markiert.

Datenschutzerklärung
Auch ich verwende Cookies, um Ihnen die Nutzung dieser Website so angenehm wie möglich zu gestalten. Über Ihren Webbrowser können Sie diese einschränken, blockieren oder entfernen. Möglicherweise werden auch Inhalte von Dritten verwendet, die Tracking-Technologien verwenden können. Nachfolgend können Sie selektiv Ihre Einwilligung erteilen, um solche Einbettungen von Drittanbietern zu ermöglichen. Ausführliche Informationen dazu finden Sie in unseren Datenschutzerklärung
Youtube
Einwilligung für Inhalte aus diesen Bereichen - Youtube
Vimeo
Einwilligung für Inhalte aus diesen Bereichen - Vimeo
Google Maps
Einwilligung für Inhalte aus diesen Bereichen - Google
Spotify
Einwilligung für Inhalte aus diesen Bereichen - Spotify
Sound Cloud
Einwilligung für Inhalte aus diesen Bereichen - Sound
Kontakt